Nuovo cambiamento: reitrodotta la vetusta’

Diventa più leggera la tassa sulle auto e le barche di lusso e le mancate entrate potranno arrivare da un aumento delle sigarette. Lo prevede un emendamento dei relatori alla manovra, approvato dalle commissioni della Camera.

Il testo del decreto legge sulla manovra all’esame dell’Aula prevede che l’addizionale erariale della tassa automobilistica sia ridotta al 60%, al 30% e al 15% dopo, rispettivamente, 5, 10 e 15 anni dalla data di costruzione del veicolo e che passati i 20 anni non sia più dovuta. Per barche la tassa è ridotta del 15%, del 30% e del 45% decorsi, rispettivamente, 5, 10 e 15 anni dalla data di costruzione. Di conseguenza si introduce, “la previsione di una clausola di copertura – si legge nel testo – in base alla quale con decreto direttoriale della Amministrazione autonoma dei monopoli è rideterminata l’aliquota dell’accisa del tabacco da fumo in misura tale da conseguire un gettito pari all’onere derivante dal comma”.

Decreto Monti annullata la vetusta’ per le barche a vela

In fase di approvazione del decreto Monti e’ stata annullato il punto 5 relativo alla vetusta’ inizialmente prevista.

5. Gli importi indicati nel commi 3 e quelli conseguenti al comma 4 sono ridotti del 15, del 30 e 

del 45 per cento rispettivamente dopo cinque, dieci e quindici anni dalla data di costruzione dell’unità 

da diporto. Tali periodi decorrono dal primo gennaio dell’anno successivo a quello di costruzione.