Robin Knox-Johnston

Robin Knox-Johnston

Vincitore del Golden Globe e primo navigatore ad effettuare il giro del mondo non stop. Da qualche anno e’ di nuovo impegnato in regate oceaniche.

Tratto da wikipedia (lingua Inglese) la sua biografia.

 

Sir William Robert Patrick “Robin” Knox-Johnston, CBE, RD and bar (born 17 March 1939) is an English sailor. He was the first man to perform a single-handed non-stop circumnavigation of the globe and was the second winner of the Jules Verne Trophy (together with Sir Peter Blake). For this he was awarded with Blake the ISAF Yachtsman of the Year award. In 2006 he became at 67 the oldest yachtsman to complete a round the world solo voyage in the VELUX 5 Oceans Race.

Contents

[hide]

[edit] Life

[edit] Early life

He was born in Putney in London, grew up on The Wirral and was educated at the Berkhamsted Boys school. From 1957 to 1965 he served in the Merchant Navy and the Royal Navy. In 1965 he sailed his Colin Archer design sloop Suhaili from Bombay to England. Due to a lack of money he had to interrupt his voyage for work in South Africa and was only able to complete it in 1967.[1]

[edit] Family

In 1962 he married Suzanne (Sue), who he had known from the age of 8 and they had one daughter, Sara, who was born in Bombay whilst he was at sea. She left him when he proposed taking her and the child back to England in his new boat Suhaili, and they were divorced in 1967.[2] However, in 1972 they remarried and now have five grandchildren. She died in 2003.[3]

[edit] Circumnavigation of the Earth

The route of the Golden Globe Race.

On 14 June 1968 Robin Knox-Johnston left Falmouth in his 32-foot (9.8-meter) boat Suhaili, one of the smallest boats to enter the Sunday Times Golden Globe Race. Despite losing his self-steering gear off Australia, he rounded Cape Horn on 17 January 1969, 20 days before his closest competitor Bernard Moitessier, who subsequently abandoned the race and sailed on to Tahiti. The other seven competitors dropped out at various stages, leaving Knox-Johnston to become the first man to circumnavigate the globe non-stop and single-handed on 22 April 1969, the day he returned to Falmouth. He donated his prize money for fastest competitor to the family of Donald Crowhurst, who committed suicide after attempting to fake a round the world voyage.

In recognition of his achievement, he was created a Commander of the Order of the British Empire.

[edit] Further Exploits

In 1970 (with Leslie Williams) and in 1974 (with Gerry Boxall) Robin Knox-Johnston won the two-handed Round Britain Race. Robin Knox-Johnston, Les Williams and their crew, which Peter Blake was also part of, took line honours of the 1971 Cape Town to Rio Race. Les Williams and Robin Knox-Johnston jointly skippered (Peter Blake crewmember again) maxi yacht Heath’s Condor in the 1977 Whitbread Round the World Race. They took the line honours in the second and fourth leg, the ones which Robin Knox-Johnston skippered.[citation needed]

Robin Knox-Johnston and Peter Blake (who both acted as co-skippers) won the Jules Verne Trophy for the fastest circumnavigation in 1994. Their time was 74 days 22 hours 18 minutes and 22 seconds. It was their second attempt to win this prize after their first one in 1992 had to be aborted when their catamaran Enza hit an object which tore a hole in the starboard hull.

From 1992 to 2001 he was President of the Sail Training Association. During his tenure the money was collected to replace the STA’s vessels Sir Winston Churchill and Malcolm Miller by the new, larger brigs Prince William and Stavros S. Niarchos. He was trustee of the National Maritime Museum at Greenwich from 1992 to 2002 and still is trustee of the National Maritime Museum – Cornwall at Falmouth, where Suhaili is berthed today. The yacht has been refitted and took part in the Round the Island Race in June 2005.

He was created a knight bachelor in 1995.[4]

In 1996 Robin established the first Clipper Round the World Yacht Race and has since worked with the Clipper Ventures company as Chairman to progress the race to higher levels every year.[5] It is perhaps his greatest achievement to have introduced so many people to competitive sailing via their involvement in Clipper Ventures.

He completed his second solo circumnavigation of the world in the yacht SAGA Insurance on 4 May 2007, finishing in 4th place in the VELUX 5 Oceans Race.[6] At 68 he was the oldest competitor in the race.[7]

In late 2008/early 2009 he took part in a new BBC program called Top Dogs: Adventures in War, Sea and Ice. The program sees him unite with fellow British legends Sir Ranulph Fiennes, the adventurer, and John Simpson, the BBC World Affairs Editor. The team go on three trips, each experiencing each others adventure field. The first episode, aired on 27 March 2009, saw Robin, Fiennes and Simpson go on a potentially very dangerous news-gathering trip to Afghanistan. The team reported from the legendary Khyber Pass and infamous Tora Bora mountain complex. The three also undertake a voyage around Cape Horn and an expedition hauling sledges across the deep-frozen Frobisher Bay in the far north of Canada.

Having served two years as President of The Cruising Association, Sir Robin is now the association’s patron.

[edit] Books

 

Personaggi della Vela:Mauro Pelaschier

Personaggi della Vela:Mauro Pelaschier

Tratto da www.navis.it il profilo del campione friulano.

Mauro nasce nel 1949 a Monfalcone(GO) da una famiglia originaria di Pola (ISTRIA), e comincia a veleggiare alla SVOC (Società Vela Oscar Cosulich), seguendo la tradizione di famiglia di nonno Francesco, Mastro d’ascia, di papà Adelchi e dello zio Annibale, grandi velisti plurititolati, Olimpionici nel 52, 56, 64.
Dopo le prime esperienze sui Dinghy 12 e sui FJ. Vince nella classe Finn, singolo olimpico, nove titoli Italiani tra il 1964 ed il 1977, il Bronzo ai Campionati Europei 74 ed un Bronzo ed un Oro ai Giochi del Mediterraneo nel 72 e nel 75.
Vince numerose classiche Internazionali tra cui:
La settimana Preolimpica di Hyeres (FRA), la Copa Princessa Sofia (ESP), il Trofeo Nesselblatt (GER), l’Intervela (ITA), Il Trofeo Portoroz(CRO), secondo alle preolimpiche di Kingston (CAN). Dopo l’esperienza come riserva Olimpica a Acapulco 68’ (Messico), partecipa alle Olimpiadi nel 1972 (Kiel Germania) e 1976 (Kingston Canada),nella Classe Finn. Contemporaneamente alle ultime vittorie in Finn, inizia a regatare sulle classi IOR vincendo Sei Titoli Italiani.
Nel 1981 partecipa alla selezione dell’equipaggio di “AZZURRA”, primo Challenger Italiano all’America’s Cup, e ne diventa il timoniere. Nel 1982 vince la Sardinia Cup al timone di “Brava”, Vallicelli 44’. Nel 1983 a Newport R.I. (USA) partecipa alla selezione dei Challenger (Louis Vuitton Cup) all’America’s Cup, al timone del 12mt.S.I. “AZZURRA”,terzo in semifinale dopo AUSTRALIA II (AUS) e VICTORY 83’ ( UK ) , nell’anno in cui per la prima volta dopo 153 anni un Challenger vince l’America’s Cup: AUSTRALIA II. Nello stesso anno vince il Mondiale One Tonner (One Ton Cup) con“Linda” Sciomachen 37’, a Rio de Janerio. A Perth (AUS) vince l’Australia Cup Match race, unico italiano fino ad oggi. Partecipa a numerose Ton Cup (Mondiali di categoria Level Class),è terzo con “Spriz” Ceccarelli 34’ alla ¾ Ton Cup di Kopenhagen (DEN),quinto con “Robadapazzi” Paperini 30’ alla 1/2 Ton Cup di Helsinki (FIN). Prima dell’America’s Cup 1987, dove è skipper e timoniere di “AZZURRA III” si dedica al Match race dove ottiene ottimi risultati nelle regate di Lymington, (UK), New York, Long Beach CA(USA) e Perth (AUS), centrando sempre le semifinali o le finali.
E’ al timone di “Marisa”Brenta 44’ con la squadra Italiana all’Admiral’s Cup 87’. Nel 1989 compie la sua prima attraversata Atlantica partecipando alla Discovery Race da Cadice (ESP) a Santo Domingo (R.Dominicana). Nel 1990 vince con “Eurosia” 46’ la Rolex Swan World Cup a Porto Cervo. Nel 1990 e 1991 vince il Giro d’Italia a Vela con “Citta di Desenzano”e “Castelvecchio Gorizia”. Nel 1992 vince con “Nastro Azzurro” la Gran Regata di Colombo (Discovery Race) da Cadice a San Juan de Portorico e, con “Rrose Selavy” 58’, la Nioulargue a Saint Tropez. Partecipa nel 1993 a due tappe della Whitbread Round The World Race, da Southampton (UK) a Punta del Este (URU) e da Punta del Este a Fremantle (AUS).
Nel 1994 vince il Club Med Challenger a Santa Teresa di Gallura con “Bologna Telethon”, sfida tra i primi cinque del Giro d’Italia, Il Tour de France e La Vuelta de Espania . Con “Eurosia”46’ vince ex aequo la Rolex Swan World Cup.Con “Rrose Selavy” 58’ vince la Nioulargue di Saint Tropez. Nel 1995 con il nuovo Frers 65’ “Rrose Selavy” vince il Trofeo Zegna a Portofino, la Rolex Maxi World Cup a Porto Cervo e le Nioulargue di Saint Tropez. Vince le Olbia Match race con il JOD 35. A fine stagione vince con il Ten PF “Naftaecologica” la classica Millevele di Genova, un’imbarcazione da lui ideata in collaborazione con lo Studio Frers.
Nel 1996 vince il Giro di Sardegna e la Rimini Corfù Rimini con il Ten PF “Naftaecologica”. Con il Vismara 40’ “Querida” vince la Sardinia Cup overall e si classifica al posto d’onore ai Campionati Italiani IMS di Chiavari.
Nel 1997 con il “Rrose Selavy” vince il Trofeo Zegna a Portofino e la Rolex Maxi World Cup a Porto Cervo. Vince la 500 migliaX2(due uomini di equipaggio) di S.M.di Caorle nella flotta JOD35 ad inviti. Nel 1998 vince il Trofeo Zegna a Portofino con “Edimetra”, Frers 65’ e la Barcolana a Trieste con “Riviera di Rimini”, Vallicelli Open 60’.
Nel 1999 partecipa all’Admiral’s Cup su “Moby Lines” Mumm 36’ per la squadra Europa 1( “BravaQ8”, “Merit Cup”, “Moby Lines”) concludendo al posto d’onore. Con il nuovo Maxi Yacht “Rrose Selavy”,Frers 73’, vince il Trofeo Zegna a Portofino, la Giraglia e la Maxi World Cup a Porto Cervo. Con il Ten PF “10 e Lode” vince la “Corsica X 2”(Lavagna,Rapallo, Giro della Corsica, Rapallo).
Nel 1999/2000 viene ingaggiato da RAISPORT per il commento tecnico delle regate di “LUNA ROSSA” della L.V.Cup e dell’America’s Cup a Auckland (NZL). Con “Giacomellisport” 40.7 IMS vince il Trofeo Pirelli a S.M.Ligure, terzo all’ Europeo IMS a Punta Ala,è secondo alla Copa del Rey a Palma de Mallorca (ESP) e al Camp.Italiano di Riva di Traiano. Con “Rrose Selavy”73’ vince il Trofeo Zegna a Portofino,la Giraglia,la Maxi World Cup di Porto Cervo. A fine stagione commenta per la RAI le Olimpiadi della Vela a SIDNEY 2000.
Nel 2001 con il nuovo IMX 40’ “Giacomellisport” vince il Trofeo Pirelli ,è quinto al Mondiale IMS di Valencia (ESP),terzo a Palma de Mallorca (ESP) alla Copa del Rey. Con “Rrose Selavy” Frers 73’ vince il Campionato del Mediterraneo Maxi Yacht ( Portofino, Capri, Napoli, St.Tropez, Porto Cervo). Con “ARIA” 8mt. S.I. partecipa alla AMERICA’S CUP JUBILEE è terzo nella categoria Small Bermudian. Nella Round the Island Race, la regata storica dello Schooner “America”,è settimo assoluto in classifica generale con una delle barche più piccole della flotta partecipante. Ha navigato a bordo degli Schooner “Mariette” , “Orion” , “Roberta III” e sul 12mt.S.I.Classic “Flica II” , partecipando a numerose regate per barche d’ Epoca.
Dal 1999 è editorialista per la rivista nautica FARE VELA.
Dal 2000 è Consigliere Nazionale F.I.V.(Federazione Italiana Vela), in rappresentanza degli atleti. Si occupa dell’organizzazione di Barche e Equipaggi per i grandi Eventi. Organizza Corsi di perfezionamento su Monotipi e barche d’Altura. E’ testimonial Telethon (Ass. per la ricerca sulle malattie genetiche). 
 

Personaggi della vela: Marco Nannini

Marco Nannini

Giovane italiano ( anche se lui si definisce meta’ inglese avendo trascorso meta’ della sua vita in Inghilterra) impegnato nel mondo della finanza, ha abbandonato questa attivita’ nel 2006 per dedicarsi a tempo pieno alla vela e alla navigazione in solitario. Partecipa con successo alla OSTAR del 2009. Nonostante i suoi progetti lo volessero crescere gradualmente con barche e in classi minori nel professionismo, qualche mese fa ha acquistato un classe 40 e sta pianificando il suo sogno: Global Ocean Race 2011  attraverso la Route du Rhum 2010.

Il suo sito, il suo blog, video, foto ed altro www.marconannini.com

 

David Rotschild e Plastiki

David Rotschild e Plastiki

E’ in partenza l’avventura dell’ecologista David Rotschild. A bordo di Plastiki, un catamarano di 18 metri costruito utilizzando bottiglie di plastica compira’ una traversata di 18.000 miglia da San Francisco a Sidney. Obiettivo e’ sensibilizzare sui danni che la plastica sta creando ai nostri mari. Tutto su www.theplastiki.com    Vedi anche il progetto www.adventureecology.com

 

Personaggi della Vela: Will Sayer

Will Sayer ed Elmarleen

Will 5 anni fa ha comprato Elmarleen, un vecchio 33 piedi di 29 anni, abbandonato da diversi anni e in condizioni disastrose. Con molta pazienza, lavoro e denaro lo ha riportato nelle migliori condizioni. Navigando ha maturato il suo sogno: partecipare alla OSTAR. La barca ha richiesto una ulteriore revisione per renderla adatta ad affrontare l’oceano. Quest’anno ” dream comes true”, Will e’ alla partenza dopo aver lasciato il lavoro e con qualche preoccupazione di come pagare i debiti sostenuti per il recupero di Elmarleen. Ha corso e ha vinto………e non si e’ fermato, decidendo di prolungare il periodo di navigazione. L’esperienza del refitting nell’allegato tratto dalla rivista PBO (Practical Boat Owner) e il diario delle sue navigazioni nel suo blog www.willymakeit.co.uk  Info sulla regata OSTAR su www.ostar2009.co.uk

 

 pbo-ostar-june09.pdf

 

Jessica Watson

Jessica Watson ci riprova

L’australiana Jessica Watson tenta di battere il record del 18enne Jesse Martin

Giro del mondo in vela: parte una 16enne,domenica lascerà il porto di Sydney: otto mesi la durata prevista del viaggio

SYDNEY – Costretta nei giorni scorsi a rinviare a causa delle avverse condizioni meteo, la 16 enne australiana Jessica Watson è pronta a partire domenica per un giro del mondo in solitario in barca a vela che durerà otto mesi. Le difficoltà non la scoraggiano, visto che in un tentativo precedente la sua barca si era scontrata con una nave mercantile.
A bordo della sua nuova barca tutta rosa, un 10 metri che si chiama “Ellás Pink Lady”, la giovanissima navigatrice uscirà dal porto di Sydney salutata da una folla di fan. La Watson spera di battere il record stabilito dieci anni fa dal connazionale, Jesse Martin, che all’età di 18 anni ha circumnavigato da solo il globo.

UNA PARTENZA PREPARATA DA ANNI – Intervistata dall’emittente Abc mentre stivava i viveri in barca, la ragazza ha spiegato che l’inizio del viaggio attraverso le acque calme del Pacifico le permetterà di prepararsi al lungo periodo di solitudine che deve affrontare e ha negato di avere paura. A parte, ha detto, il momento della partenza con tanta gente a salutare dal molo. «Sarà un po’ come uno spettacolo dei clown del circo – ha detto – ma penso che sia normale visto che è stato preparato per anni. E io me ne andrò a navigare intorno al mondo».

Potete seguire la sfida di jessica nel suo sito www.jessicawatson.com.au

Tratto da www.corriere.it 

Hilary Lister

Hilary Lister

Il 31 agosto 2009 Hilary Lister e’ diventata la prima disabile ad aver concluso la circumnavigazione in solitario dell’inghilterra. Partita da Dover nel giugno 2008 e ripartita da Plymouth a maggio 2009, ha concluso la straordinaria impresa. Nel suo sito la storia, le tappe, il blog, le foto.

www.hilarylister.com

 

Hilary sailing

Personaggi della Vela: Laura Dekker

Laura Dekker

Tredicenne olandese, si stava candidando a diventare la piu’ giovane velista a circummnavigare il globo su una barca a vela in solitario. Il tribunale olandese ha pero’ bloccato la sua sfida.

In allegato un articolo( tratto da www.corriere.it) sulla vicenda e il sito della navigatrice ( per ora solo in lingua olandese) www.lauradekker.nl

 

Velista 13enne non farà il giro del mondo

Laura Dekker bloccata da tribunale olandese e affidata ai servizi sociali: l’impresa sarebbe durata due anni

MILANO – Laura Dekker, olandese di 13 anni, non può realizzare il suo sogno, almeno per il momento: circumnavigare il globo in barca a vela in solitaria. Motivo: è troppo giovane. Laura voleva partire a settembre, per diventare la più giovane velista ad aver realizzato l’impresa che sarebbe durata due anni.

SOTTO TUTELA – Lo stop è arrivato dalla giustizia olandese: il tribunale dei minori di Utrecht ha sospeso la patria potestà dei genitori per due mesi e ha deciso l’apertura di un’inchiesta per valutare l’impatto che una simile esperienza può avere sullo stato fisico e psichico della ragazza. Per due mesi i genitori dovranno negoziare tutte le decisioni importanti riguardanti la figlia. «Questo – spiega il tribunale – significa che Laura non può cominciare il suo viaggio intorno al mondo senza il consenso dei servizi sociali». La ragazza non era in aula. Il padre ha ascoltato la sentenza, ma non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Erano stati proprio i servizi di protezione dell’infanzia a chiedere l’affidamento temporaneo, dopo che il padre aveva chiesto a luglio un’autorizzazione per dispensarla per due anni dall’obbligo scolastico.

SU UNA BARCA – Laura Dekker aveva fatto parlare di sé anche in Gran Bretagna. A maggio, scrivono i media olandesi, era stata bloccata dalle autorità portuali di Lowestoft, che non volevano farla ripartire da sola sulla sua barca “Guppy”. La ragazza il mare ce l’ha nel sangue, essendo nata da genitori patiti della vela. Non solo: quando è venuta al mondo, al largo delle coste neozelandesi, i genitori erano impegnati in un giro del mondo durato sette anni. Una famiglia davvero cosmopolita, tanto che Laura ha tre nazionalità: olandese, tedesca e neozelandese. Aveva pensato di trasferirsi in Nuova Zelanda per salpare sul suo “Guppy”, ma le autorità olandesi hanno fatto sapere che i servizi di tutela dei minori del Paese avrebbero avuto lo stesso atteggiamento. Ma Laura non demorde: «Da quando ho dieci anni so che mi piacerebbe tantissimo fare il giro del mondo. Mi sembra una cosa molto carina», ha detto in tv. Un giorno il suo sogno diventerà realtà.

RECORD A UN INGLESE – Per il momento però il record di skipper più giovane ad aver girato il mondo in solitaria spetta a Mike Perham, inglese di 17 anni. Partito il 15 novembre 2008 da Portsmouth, ha viaggiato per 30mila miglia attraversando l’Atlantico, fino al Capo di Buona Speranza, raggiungendo poi l’Australia e la Nuova Zelanda. Da qui è ripartito verso nordest fino al Canale di Panama tornando così nell’Atlantico. Un viaggio in cui Perham ha sfidato il vento e le onde, affrontando anche numerosi problemi tecnici che lo hanno costretto a diverse soste. Dopo nove mesi, due giorni fa ha tagliato il traguardo situato tra Lizar Point, in Cornovaglia, e Ushant in Francia, scortato dalla Royal