LAMPADE A LED IN BARCA

Interessante articolo tratto da http://www.spazionautica.it

Sostituire le vecchie lampadine alogene con lampadine a led è una delle migliorie più semplici, relativamente economiche, e utili che si possano effettuare in barca.

Consumare un quinto o un decimo di corrente per luci di coperta, luci di via e luce di fonda, significa non doversi più preoccupare di questi consumi, e risparmiare energia preziosa per le altre utenze (frigorifero, wc, verricello, autoclave, boiler..).

La corrente “faticosamente” fornita dai pannelli solari, o dall’alternatore, potrà essere conservata piu’ a lungo, ed evitare di accendere il motore in reda per ricaricare le batterie sarà un beneficio per noi e per i nostri vicini!

Anche navigando a vela, le luci di via non saranno più un consumo di cui preoccuparsi.

Grazie alle basse temperature di esercizio e all’insensibilità alle vibrazioni, le lampadine a led vantano anche una maggiore durata  rispetto alle alogene,  consentendo un ulteriore beneficio economico, ed evitandoci noiose e frequenti sostituzioni, particolarmente problematiche per chi ha una barca a vela, quando si tratta di sostituire la lampadina in testa d’albero!

 

LUCE CALDA O FREDDA?

Anche dal lato estetico si ha generalmente un miglioramento, grazie alla luce più chiara e brillante dei led, anche se i “nostalgici” della nautica giustamente potrebbero rimpiangere il calore e l’ambiente certamente più “marinaro” delle vecchie e giallognole luci alogene, rispetto alle fredde e moderne luci a led, dal bagliore spesso fin troppo glaciale se non addirittura azzurrato!

Le lampadine a led si trovano infatti quasi sempre con tonalità azzurro “ghiaccio” (6000 kelvin o più), e solo in alcuni casi con luce bianca naturale (5000 kelvin). Molto raramente, soprattutto su siti stranieri (es. ebay Germania), si riescono invece a trovare lampadine a led a luce calda “solare” (3.500-4000 kelvin), che però spesso non garantiscono un’adeguata luminosità.

 

ATTENZIONE AL TIPO DI LED

Oltre alla tonalità di bianco, è importante acquistare lampadine che forniscano luminosità equivalente se non superiore a quelle che andiamo a sostituire. 

Molto spesso nella scheda tecnica della lampadina a led è riportato il wattaggio della corrispondente lampadina alogena, un pò come avviene nelle lampadine a risparmio energetico domestiche.

Nel caso non riusciamo a trovare questa indicazione, possiamo basarci sul tipo di led utilizzato, di massima quelli più luminosi riportano la sigla Smd 5050 (un chip che contiene al suo interno 3 piccolissimi led, come in foto), mentre i led più classici con chip singolo riportano sigle come smd 3528 e sono mediamente meno luminosi.

I led 5050, essendo più potenti, tendono comunque anche a scaldare di più e per questo per alcuni utilizzi sono meno diffusi.

Per capire l’effettiva luminosità della lampadina, sigle a parte, conviene comunque basarsi anche sul semplice consumo (watt), che viene sempre menzionato nelle confezioni o nelle inserzioni su internet: una lampadina a  led da 3-4 watt emetterà quasi sempre più luce di una da 1 watt!

 

 

IL NUMERO DI LED NON SEMPRE CONTA

La quantità di led presenti nel bulbo della lampadina non sempre, anzi raramente, è proporzionale all’effettiva luminosità, non fatevi dunque impressionare da lampadina “cosparsa” di led perche potrebbero emettere meno luce di un silgolo led ad alta potenza.

Naturalmente se la lampadina deve illuminare a 360 gradi, allora avere molti led potrebbe garantire una luce meglio distribuita.

 

OMOLOGAZIONE RINA  O CE?

Mentre per le luci interne della barca siamo ovviamente liberi di installare qualsiasi tipo di lampadina a led, con più o meno intensità e con diverse tonalità di colore, per quanto riguarda le luci di via e di fonda occorre necessariamente acquistare lampadine omologate RINA. 

Non è solo una questione burocratica o legale, perchè come abbiamo visto le lampadine a led non sempre garantiscono luminosità e colorazione adeguate per risultare ben visibili in navigazione dalle altre imbarcazioni.

Molti ritengono sufficiente che le lampadine siano marcate CE, ma in realtà questo non sempre basta, poichè la marcatura CE che peraltro viene spessissimo contraffatta, non assicura che la lampadina sia adatta all’uso nautico, considerato che le lampadine in commercio sono quasi sempre ideate per utilizzi su autovetture o camper.

Attenzione che qui parliamo soltanto di lampadine: per quanto riguarda invece la luce vera e propria (completa di plafoniera stagna), acquistate nei negozi di nautica e fornite dai noti produttori di articoli nautici, è probabile che anche in assenza di specifica omologazione rina, vengano comunque considerate legali, essendo progettate per uso nautico e quindi presumibilmente omologate “alla fonte.” Quasi sempre comunque per questi articoli l’omologazione RINA è riportata ben in vista.

 

REGOLIAMO LE LUCI A LED CON IL VECCHIO “VARIALUCE”

Sembra strano ma anche per i led esistono i classici “varialuce”, in gergo “dimmer”, che tramite la classica manopolina ci consentono di regolare l’intensità di luce.

Non tutte le lampadine a led funzionano con questo tipo di regolazione, ma gran parte delle lampade a led con forma “a piattina”, che sostituiscono i classici faretti alogeni per la cabina della barca, sembrano essere regolabili con dispositivi simili a quello in foto.

 

 

CONSIGLI UTILI

  • ATTENZIONE ALLE LUCI PER I FANALI DI VIA: i led troppo azzurri, installati all’interno delle classiche plafoniere stagne con vetro verde, potrebbero generare una luce azzurra-turchese, che oltre a non essere “omologata” potrebbe costituire un serio pericolo in navigazione notturna

 

  • ATTENZIONE anche alla tensione di carica del generatore o del caricabatterie 220 “da pontile”, che fornendo spesso tensioni oltre i 13-14volts, spesso peraltro non troppo “stabili”, potrebbero in pochissime ore surriscaldare e danneggiare tutti i led, che inizieranno a “lampeggiare” per poi rompersi uno ad uno, facendoci gettare al vento decine di euro e incolpare ingiustamente il negozio che ci ha venduto le lampadine, che essendo dichiarate per funzionamento a 12 volts non sono garantite per tensioni superiori.

 

  •  OCCHIO ALLA BAIONETTA: le classiche lampadine a baionetta esistono di due tipi BA15S (S=singolo contatto) o BA15D (D= doppio contatto), nelle plafoniere delle barche troviamo spesso attacchi BA15D, ma prima dell’acquisto dovremo comunque verificare quale attacco abbiamo.

 

  • un ultimo piccolo consiglio: quando navighiamo di notte assicuriamoci di chiudere le tendinedegli oblò, perchè le luci, soprattutto a led, all’interno della barca, possono facilmente essere scambiate per luci di via. Una notte navigando vicino alla barca di un amico sono rimasto impressionato da come il led rosso del suo caricabatterie poteva essere scambiato per la luce rossa indicante il lato sinistro della barca!
LAMPADE A LED IN BARCAultima modifica: 2013-07-17T12:15:12+02:00da tabriz2
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento